ebook gay intervista a NB

Intervista a Nino Bonaiuto

i nuovi romanzi normali accanto agli ebook gay

ebook gay ed ebook etero, nelle considerazioni di Nino Bonaiuto
ebook gay ed ebook etero, nelle considerazioni di Nino Bonaiuto

D. Dopo un anno, riprendiamo il discorso con Nino Bonaiuto, l’autore di romanzi a tematica gay, “romance m/m”, come si usa dire adesso.

Da quest’anno hai esordito con due romanzi “etero”, cioè con storie d’amore classiche, dove ad innamorarsi sono un uomo e una donna. Si tratta di “L’amore che non ti aspetti” e il recentissimo “Il vero amore non può finire”. Come mai due romanzi normali? È finita la vena “romance mm”?

R. Ho scritto quei due romanzi perché sono affascinato dall’universo femminile e poi perché mi hanno ispirato due storie che trattano di donne forti, pur nella loro fragilità. Quando scrivo non mi pongo nessun obiettivo, se non raccontare storie che mi interessino e che possano “dare” qualcosa ai miei lettori/lettrici.

D. Come stanno andando questi due romanzi?

R. Bene, direi, ma il successo di questi ebook non raggiunge il livello davvero soddisfacente degli ebook a tematica gay, i romance m/m, come li hai definiti tu. In verità, non mi piacciono le etichette, in quanto limitano la qualità dell’esperienza. Credo che i miei ebook gay siano diversi dagli ebook gay che oggi vanno per la maggiore.

D. Cos’hanno di diverso?

R. Nei miei ebook è molto importante il profilo psicologico dei personaggi, il loro travaglio interiore, la forza con la quale escono dalle situazioni in cui si trovano incastrati. Questo vale per i miei ebook gay, come per quelli “normali”.

Inoltre, le storie che racconto sono profondamente italiane e contemporanee. Potrebbe accadere a chiunque di viverle.

Niente mondi fantasiosi e fiabeschi dove evadere, dunque. Sono convinto che non ci sia alcun bisogno di evadere dalla nostra realtà, dovremmo semplicemente imparare a viverci bene!

D. Vanno per la maggiore ebook dove il sesso è declinato nella sua versione sado-masochistica e comunque ci sono ebook per tutti i gusti sessuali, ormai.

Tu, come ti poni, rispetto a questo fenomeno di ebook gay ed etero “tematici”, per così dire?

R. Ho il massimo rispetto per tutti gli autori e penso che sia una gran bella cosa che la libertà d’espressione sia in Italia ormai matura, come vuole l’articolo 21 della nostra Costituzione.

Per quanto mi riguarda, il sesso che i miei lettori troveranno nei miei libri è sesso consensuale, tenero, romantico, a volte un filo aggressivo, ma mai violento, mai prevaricatore. Questo vale per il sesso gay, come per quello etero. Nel sesso c’è una tenerezza che esprime – meglio delle parole – quel “ti amo”, di cui siamo tutti così parsimoniosi.

D. Parliamo dei due romanzi “etero” per l’appunto. Sono romanzi sentimentali? Si possono definire romanzi rosa?

R. “L’amore che non ti aspetti” è la storia di Amalia, una donna che dai bassifondi arriva ai quartieri alti di Roma, grazie al matrimonio con il ricchissimo Stefano Mezzani. Nonostante il conseguimento del benessere fosse stato per lei l’obiettivo finale, il raggiungerlo non aveva coinciso con la felicità. Felicità che invece scoprirà con il lunatico e per certi versi inquietante Filippo. È un romanzo che mi ha preso moltissimo e che mi fa vivere ancora emozioni forti, nonostante lo abbia scritto io e lo conosca a menadito.

D. E l’altro? Il nuovissimo “Il vero amore non può finire”?

R. Anche a questo romanzo sono molto legato. Qui la protagonista è Giovanna, che in seguito all’innamoramento di sua figlia per un ragazzo straniero, scopre che nella sua vita manca l’amore, quel sentimento importantissimo senza il quale l’esistenza diventa una specie di deserto arido e senza speranza. Anche nell’ebook “Il vero amore non può finire” le emozioni si sprecano. Chiunque lo legga non potrà fare a meno di partecipare a tutte le palpitazioni del cuore di Giovanna.

D. Parliamo dei romanzi m/m, degli ebook gay, o a tematica gay, come preferisci chiamarli?

R. “Ebook gay” va bene, ma anche “storie d’amore gay”.

D. Qual’è il più autobiografico dei cinque che hai scritto finora?

R. Sicuramente il libro più autobiografico è “Un futuro per noi due”, ebook a cui è legato il mio cuore. La storia è autobiografica solo “grosso modo”, ovviamente, ma l’io narrante, Antonio, mi rappresenta piuttosto bene.

D. Mi vuoi dare una breve descrizione di cosa significano per te i cinque ebook gay che hai scritto finora?

R. Volentieri. Un papà ama parlare dei suoi “figli”. “L’amore come viene” fu il primo libro che scrissi. Era una storia che mi stava scoppiando dentro, dovevo scriverla e pubblicarla al più presto. Dai numeri della vendita posso dire che il romanzo fu accolto con molto favore.

Con “L’uomo che cercavo” ho messo in scena l’educazione sessual-sentimentale di un ragazzo represso da un’educazione troppo severa, che attraverso il sesso ed esperienze più o meno dolorose, arriva a trovare un uomo che corrisponda i suoi sentimenti, non interessato al solo sesso.

“Un futuro per noi due” è stato il mio Giulietto&Romeo, la storia d’amore e sesso fantastico di due giovani universitari. È forse, come ho già detto, il libro che amo di più.

“Quel ragazzo del Sud” sta uscendo con una nuova copertina, più accattivante. È il primo romanzo organico, con una storia avvincente ed emozionante. Questo libro, come i miei due libri “etero”, è stato letto da relativamente pochi lettori, ma secondo me tutt’e tre hanno delle grandi potenzialità. Tanti lettori avranno la fortuna di leggere questi magnifici ebook.

D. E poi c’è Johnny, il tuo best seller “Un nuovo amico per Johnny”.

R. Effettivamente “Un nuovo amico per Johnny” è un ebook gay che ha riscosso un grande successo e mi ha dato delle belle soddisfazioni. L’affetto che i miei lettori mi hanno manifestato mi spinge a continuare e a fare sempre meglio.

D. Cosa stai scrivendo attualmente?

R. Sono alle prese con un nuovo romanzo, un ebook gay, con un’emozionante storia ambientata in Irlanda.

D. Allora non sarà un ebook gay italiano?

R. I protagonisti sono italianissimi, trasferiti all’estero per lavoro.

D. Non vedo l’ora di leggerlo. Buon lavoro…

R. Grazie, grazie mille.

G.B.

intervista riportata anche su amorigay

Precedente Mafia e amori gay: Un nuovo amico per Johnny Successivo Il ragazzo di Charlemont Street